La storia della Call&Call di Cinisello è arrivata al capolinea tra incentivi e cassa integrazione

  

CINISELLO BALSAMO La storia dei 186 dipendenti della società Call&Call di via Cantù a Cinisello Balsamo è arrivata alla fine, dopo mesi di scioperi e trattative che hanno coinvolto la Regione e il Comune. Alla fine è stata trovata una soluzione che prevede l’uscita di 119 dipendenti con l’incentivo, sei mesi di stipendio. Mentre per gli altri è stata garantita la cassa integrazione al 95 per cento.

Si chiude in questo modo la vicenda di una delle società nuche hanno messo a profitto le norme governative del jobs act che prevedono per le aziende delle agevolazioni fiscali in due anni. Un modo che ha indotto delle società a licenziare imdipendenti e riassumere con nuovi contratti potendo usufruire dei benefici fiscali. È quanto ha fatto la società di Cinisello, facente parte di un gruppo di call center che ha deciso di chiudere a Cinisello per potenziare con nuove assunzioni le strutture di Roma e in Calabria.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s